Lago Brasimone

, , , in zona Percorsi nel verde

Accessibilità

solo lato Ovest

Descrizione

Il lago Brasimone è uno specchio d’acqua circondato da una preziosa cornice di boschi. L’incanto del paesaggio suscita una commozione profonda. Asse portante del Parco Regionale dei Laghi insieme al lago di Suviana, è lungo 22,2 km.

Il lago Brasimone inizia alla diga in località Scaliere comune di Camugnano. In auto (62,6 km) Autostrada A1 – uscita Pian del Voglio – Castiglione dei Pepoli – direzione Brasimone\Camugnano – passata la diga e l’Albergo Italia – si scendea sinistra verso il centro visite dell’Enea – ci si ferma in riva al lago presso il parcheggio davanti alla Chiesa di Santa Rita al Brasimone.

Il parco si estende sui due laghi artificiali: Suviana e Brasimone, risalenti al secolo scorso. Il lago di Suviana è alimentato dal fiume Limentra di Treppio e il Lago Brasimone dai torrenti del bacino imbrifero del Brasimone. Proprio il sistema tecnologico che regola gli impianti idroelettrici di Suviana, dove si trova un centro visita dedicato all’acqua, e del Brasimone, che ospita una struttura informativa dell’Enea, risulta essere di particolare interesse. Nel parco è possibile osservare gole, radure e attraversare boschi misti composti da faggeti, querce, e rimboschimenti di conifere che rivestono i versanti e le arenarie dei principali rilievi nella parete occidentale della dorsale e a valle del bacino del Brasimone, formando il bellissimo fronte dei Cinghi delle Mogne. Recandosi sulle cime più alte si possono osservare versanti ripidi, coperti di boschi mentre nelle quote inferiori i versanti diventano meno ripidi. La scarsa frequentazione di questi luoghi da parte degli uomini ha favorito la presenza della fauna selvatica, tra cui spiccano per importanza i cervi ai quali vanno ad aggiungersi caprioli, daini, cinghiali e al seguito il lupo, unico dei grandi carnivori a contendere all’uomo il controllo della popolazione degli ungulati.

La realizzazione ai primi del 900 di un impianto così innovativo è motivata dalla crescente domanda di energia elettrica per usi domestici e industriali da parte della città di Bologna. Il progetto dell’invaso, presentato il 24 aprile 1906 al Genio Civile, è dell’ing. Fausto Baratta. La diga, alta 35 metri, è del tipo a gravità ed è stata costruita con pietrame del luogo. E’ opera dell’ing. Angelo Omodeo, all’esordio di una luminosa carriera di “mago delle acque”. Il complesso cantiere per la costruzione della diga è diretto da Amilcare Toscani, stretto collaboratore del progettista e “personaggio straordinario sia come tecnico che come uomo” (Costa). Il materiale principale utilizzato è la pietra lavorata dagli scalpellini di Montovolo, preferita in questo caso al cemento armato. Coerente alle sue idee socialiste, Omodeo applica qui, per la prima volta in Italia, la giornata lavorativa di otto ore.

L’ escursione che vi proponiamo ha una lunghezza complessiva di 4,8 km divisa in due rami. La sponda est dal parcheggio della Chiesa di Santa Rita al Brasimone al Centro Ricerche Enea di 1,5 km su strada asfaltata, supera una prima pendenza, per poi scendere alla diga dello Scaliere, con bella vista sul lago e proseguire pianeggiante fino al cancello del Centro Ricerche Enea (indicativamente 1 h). La sponda ovest dalla Chiesa di Santa Rita al Brasimone alla Fontana del Boia di 3,3 km, segue il bordo del lago ancora su asfalto (1,5 km), per poi risalire un tratto sterrato di 1 km lungo il torrente nel bosco. Mediamente in leggera salita, supera qualche piccolo tratto più ripido, che non presenta problemi e arriva a Cà Fontana del Boia (indicativamente 1h 30’).
L’escursione è in parte completa, ma vi sono due pendenze abbastanza ripide. Si consiglia di andare con più di un accompagnatore.


Dormire

Albergo Italia
Nel Comune accanto e presso L’Albergo Italia per chi preferisce dormire al riparo e in un letto comodo c’è la possibilità di pernottare.
Via Bacino, 89 Lago del Brasimone, 40032 Camugnano BO www.facebook.com/Albergo-Ristorante-Italia  tel. 366 236 8224

Camping
Le sponde e la foresta del lago offrono la possibilità di fare camping per gli appassionati.
In estate è estremamente piacevole fuggire dalla città e passare una notte in mezzo agli alberi osservando il cielo che libero da ogni luce mostra le sue dorate stelle.

Per chi utilizza un camper
La Guardata Area sosta
Immersa nel verde tra lago e montagna, l’area è un ottimo rifugio per chi desidera un po’ di natura
Via Brasimone, 89 Camugnano (BO) www.sostacamperbologna.it tel. Tel. +39 0534 93269


Mangiare

Albergo Italia
Una delle trattorie più frequentate dagli abitanti e dai visitatori è l’Albergo Italia. Posto in cima a una salita raggiungibile anche in macchina, l’Albergo Ristorante propone un menù fisso a pranzo di 12 euro oltre alla possibilità di scegliersi altri gustosi piatti tipici della tradizione del luogo. Ma attenti a quando chiedete il Menù a pranzo, potrebbero elencarvi piatti che non rientrano nella scelta possibile. Chiedete sempre alla signora che gestisce la trattoria.


Servizi

Toilette lungo il percorso
Lungo la Fontana della Chiesina c’è un servizio igienico per il pubblico. Non è accessibile ma poco più avanti c’è l’Albergo Italia a cui chiedere aiuto per questa necessità.


Parcheggi disabili

Lungo il percorso ci sono diversi parcheggi disabili, uno per esempio proprio di fronte alla fermata bus 796 da Porretta e 808 da Castiglione dei Pepoli a Vergato

 

Angolazioni rotonde
INFO: info@angolazionirotonde.it

Progetto a cura di Cervelli in Azione con il supporto del CAI Bologna e Consulta Escursionismo Bologna con il contributo di: Comune di Bologna, Dipartimento Economia e Promozione della Città | Bologna Made

foto © Nicoletta Valdisteno 2019
Realizzazione mappe scaricabili nel verde a cura di Boreal Mapping
Realizzazione del sito a cura della Web Agency  QuoLAB